menu

Nuove disposizioni sui requisiti acustici passivi degli edifici

Con questa consultazione pubblica, che riguarda l’aggiornamento dei requisiti delle sorgenti sonore interne agli edifici, i  cosiddetti requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti che devono essere tenuti in considerazione nell’ambito della loro progettazione e realizzazione, ci rivolgiamo ai cittadini, ai portatori di interesse in materia di edilizia e alle imprese.

Dal 1997, infatti, la legislazione nazionale ha imposto di ridurre l’entità dell’esposizione umana al rumore e per far questo ha stabilito quali sono i requisiti acustici passivi che gli  edifici devono rispettare. La norma nazionale non ha però stabilito in quali forme e modalità i Comuni siano tenuti alla verifica del rispetto delle norme.

A tale proposito, la Regione Sardegna, seguendo la prassi corrente adottata in altre regioni italiane e condivisa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha fornito apposite indicazioni in materia con  le Direttive regionali in materia di inquinamento acustico “ del 2008,  in cui sono definite le procedure da seguire nella progettazione degli edifici e nella verifica del rispetto dei requisiti acustici passivi sopra richiamati, accertati da apposita documentazione di conformità da prendere in considerazione nel rilascio dei permessi di costruzione degli edifici stessi.

Tuttavia, sebbene i Comuni stiano progressivamente adeguando i propri regolamenti alle direttive regionali, permane una situazione di incertezza sia delle modalità di certificazione di cui sopra,  sia per quanto riguarda l’inclusione dei requisiti acustici passivi tra quelli necessari per il rilascio dell’agibilità degli edifici.

La Regione, nel 2015, ha approvato la legge n. 8 dal titolo “Norme per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia e per il miglioramento del patrimonio edilizio”, il cui articolo 28 prevede che le direttive sulle prestazioni acustiche passive degli edifici siano modificate in attuazione delle norme UNI in materia di classificazione acustica degli edifici.

Alla luce di ciò, la Regione,in attesa del riordino della materia da parte del legislatore nazionale e dando attuazione al suddetto articolo di legge, propone di superare l’attuale criticità legata all’inserimento della verifica del rispetto dei requisiti acustici passivi nel procedimento di rilascio del certificato di agibilità degli edifici attraverso l’aggiornamento della parte VI delle vigenti “Direttive regionali in materia di inquinamento acustico” che viene presentato come allegato alla deliberazione n. 50/4 del 16 ottobre 2015, che qui pubblichiamo.

Tutti coloro che sono interessati alla materia possono lasciare osservazioni e commenti che saranno tenuti in massima considerazione. Grazie per il vostro contributo.

Consulta la documentazione di riferimento:

Delibera del 16 ottobre 2015, n. 50/4 - Disposizioni in materia di requisiti acustici passivi degli edifici

Allegato alla Delib.G.R. n.50/4 del 16.10.2015 - Aggiornamento delle direttive regionali in materia di requisiti acustici passivi degli edifici

CONSULTAZIONI

Consultazione su "Nuove disposizioni sui requisiti acustici passivi degli edifici" (Delibera G.R. 16 ottobre 2015, n. 50/4).

menu menu menu