menu

Consultazione sul programma di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale

Il Programma di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale persegue un significativo miglioramento qualitativo e dell’efficienza dei servizi sanitari ospedalieri offerti ai cittadini attraverso la riorganizzazione delle reti di assistenza.

Il Modello Sardegna di riorganizzazione della rete ospedaliera, valorizza gli standard qualitativi e quantitativi recentemente definiti dal Ministero della Salute, in parte adattandoli alle particolari caratteristiche geografiche e demografiche della Sardegna; in particolare, sono avviate sperimentazioni di aree di degenza con funzioni di ospedali di comunità e strutture intermedie come strumento di raccordo e integrazione tra ospedale e territorio e per orientare il cittadino in cura per periodi di tempo medio-lunghi (malattie croniche). Le specialità mediche che permettono di assistere le malattie più comuni tra i residenti sono assicurate anche negli ospedali più piccoli denominati di “sede disagiata”. Per superare la frammentazione dell’attuale sistema ospedaliero, le reti di cura specialistiche sono assicurate attraverso l’aggregazione delle competenze e delle funzioni, in un numero più piccolo di ospedali che devono dimostrare in modo trasparente il numero e gli esiti delle cure effettuate (interventi chirurgici, ricoveri) e devono collaborare tra di loro, condividendo percorsi assistenziali.

Contribuisci anche tu inserendo un tuo commento al testo della deliberazione, all’allegato 1 e alle linee d’azione prioritarie: 

menu menu menu